Il linguaggio della memoria: le Teche, archivio tra passato e futuro

L’archivio della Rai è un patrimonio unico per l’Azienda ed un grande valore per il Paese: per questo l’UNESCO ha inserito le Teche Rai nel registro ufficiale della “Memoria d’Italia”.

Si tratta di pagine di storia, di costume, di cinema, di letteratura, di teatro, di informazione, di sport, raccontate in documenti, immagini e suoni che ricostruiscono la storia dal Novecento ad oggi.

Le Teche custodiscono il passato dell’Italia, ne illustrano tradizioni e cultura attraverso la documentazione degli eventi che hanno determinato i cambiamenti delle abitudini, dei gusti, del modo di comunicare, di divertirsi e di soffrire degli italiani.
Un passato indispensabile per costruire il futuro.
Un lungo, grande racconto per tappe dell’evoluzione del Paese, sul quale si affacciano volti storici di scrittori, musicisti, premi Nobel, critici, attori e protagonisti della storia e della società.

Il materiale delle Teche è una fonte che alimenta quotidianamente i programmi in onda, sostiene la didattica degli storici contemporanei e sempre più spesso arricchisce musei, mostre e rassegne culturali su tutto il territorio italiano.

Rai Teche ha l’obiettivo di assicurare il servizio di documentazione degli archivi audiovisivi e di facilitare la ricerca di qualsiasi prodotto o sequenze di trasmissioni, compresa la verifica dei relativi diritti o meno su ogni titolo trasmesso:

  • catalogazione multimediale del materiale televisivo e radiofonico;
  • archiviazione dei diritti di utilizzazione dei singoli prodotti;
  • gestione delle bibliomediateche aziendali;
  • gestione del servizio di help desk per tutte le strutture aziendali e di servizio ai clienti esterni che abbiano fini istituzionali.

In quest’ambito di attività è stato realizzato il servizio “Teca Aperta”, che rende la consultazione degli archivi Rai disponibile al pubblico grazie alla digitalizzazione dei materiali e dei documenti conservati nel “Catalogo Multimediale” (non pubblicato per intero sul web per motivi di diritti).

Il servizio è rivolto ad Istituzioni, enti morali ed ONLUS, università, scuole e studenti, ordini professionali, associazioni e privati cittadini.
Il Catalogo Multimediale, sistema integrato di archivi informatici, contiene l’intera catalogazione testuale degli archivi della TV, della radio, delle fotografie, 
dei copioni e del Radiocorriere, per un totale di circa 75 milioni di documenti indicizzati.

Le Teche Rai: un patrimonio per l’azienda e per il Paese a disposizione del pubblico

Vi sono conservate per intero le immagini trasmesse dalle tre reti nazionali TV dal gennaio 1999, una selezione di programmi storici, i telegiornali regionali, il trasmesso delle reti radiofoniche dal 1994 ed una selezione di programmi storici della radio.
Oltre 1 milione e 300 mila ore di materiale televisivo, circa 1 milione e 500 mila ore di materiale radiofonico, cui si aggiungono 45.000 fotografie di programmi Rai, 95.000 copioni cartacei e 75.000 libri tematici 
sui media, sullo spettacolo e sulla pubblicità.
Un migliaio circa di titoli cinematografici, di titoli teatrali e uno straordinario patrimonio musicale composto da oltre 25.000 esecuzioni musicali completamente digitalizzate, tutti i programmi di sala dei concerti eseguiti dalle orchestre Rai di Roma, Torino, Milano e Napoli, digitalizzati e catalogati, 99.783 tra spartiti e partiture dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. 

teche.jpg

Le principali collaborazioni di Rai Teche hanno riguardato le grandi mostre e rassegne allestite al Museo del Vittoriano di Roma, le iniziative relative all’anniversario dei 50 anni del Concilio Vaticano II, le manifestazioni in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino.

Le Teche rappresentano una fonte storica e di studio per l’intero Paese, la cui valorizzazione culturale è testimoniata dal notevole incremento delle richieste di accesso al repertorio d’Archivio da parte di numerosi Enti, Musei, Scuole, Università e Fondi, che fanno riferimento alla Rai come custode di materiali storici d’eccellenza per ogni tipo di celebrazione o ricorrenza dell’età contemporanea. Rai Teche è oggi presente in molti musei italiani ed esteri, in Istituti italiani di cultura all’estero, in Università e biblioteche.

le-annunciatrici-Marisa-Borroni-e-Fulvia-Colombo.jpg

Marisa Borroni e Fulvia Colombo, annunciatrici Rai

0076.jpg

Sigla del telegiornale del Programma Nazionale

0030.jpg

Una ripresa del dietro le quinte di un set televisivo
0098.jpg
Messa in onda del secondo episodio “Dalla Terra alla Luna” 
1050.jpg
Gong del segnale orario Radio
PCD_4324_0023__Sergio-zavoli.jpg
Sergio Zavoli, giornalista radiofonico Rai dal 1947 
PCD_3014_0073_carosio.jpg
Nicolò Carosio, giornalista e radiocronista italiano, per oltre trent’anni voce delle cronache della Nazionale Italiana di calcio


Insieme con altre strutture aziendali, Rai Teche si appresta ad avviare il processo di digitalizzazione del restante archivio storico, circa 1 milione di cassette e 800 mila pellicole, che nel giro di cinque anni assicurerà 
la perpetua conservazione dei programmi storici a partire dal 1954, portando l’intero patrimonio audiovisivo a livello di alta qualità.

Rai Teche partecipa come partner in progetti nazionali ed internazionali per la progettazione degli archivi multimediali, per la ricerca di nuove metodiche di documentazione e l’utilizzo di nuove tecnologie per la salvaguardia del patrimonio audiovisivo. 

Premi e riconoscimenti
ARGOMENTO PRECEDENTE
La comunicazione sociale
ARGOMENTO SUCCESSIVO
Nessun articolo trovato