L'attenzione alle pari opportunità

La Rai, quale concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, ha tra i propri obiettivi quello di contribuire a creare percorsi e regole socio-culturali che aumentino la consapevolezza ed il rispetto per le pari opportunità nonché la corretta rappresentazione della dignità della persona nella programmazione radiotelevisiva, con particolare riferimento a quella della figura femminile, per la promozione di una immagine reale e non stereotipata della donna, nel rispetto della libertà di espressione, della diversità di genere e del pluralismo.

Il Consiglio di Europa, l’11 maggio 2011, ha emanato la Convenzione sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, che è stata recepita in Italia con la legge del 27 giugno 2013, n. 77. In tale documento il settore dei mass media viene invitato al rispetto della libertà di espressione e di partecipazione, al fine di attuare politiche interne che prevengano la violenza contro le donne e rafforzino il rispetto delle loro dignità.

L’azienda, pertanto, per perseguire questo obiettivo, ha adottato la policy di genere che pone la Rai in una posizione innovativa nel mercato dell’informazione. La policy attiene sia la gestione aziendale (assunzioni, promozioni, etc.) sia la presenza femminile in video e la qualità della rappresentazione della donna, contribuendo a quella crescita socio-culturale che rientra nella propria missione informativa e formativa (la policy aziendale in materia di genere è riportata in appendice).

In tale contesto la Rai, nell’ambito delle celebrazioni in occasione del 90° Anniversario della Radio e del 60° della Televisione, ha organizzato un Convegno dedicato alle donne ed al loro percorso di crescita e di consapevolezza.

Il Convegno Donna è..., sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, che si è tenuto a Roma, nella Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica, il 5 ed il 6 marzo 2014, ha visto la partecipazione, oltre che del Capo dello Stato, di rappresentanti delle Istituzioni, della finanza, delle accademie ed il coinvolgimento diretto di giovani studenti delle più importanti università italiane, collegati dalle Sedi Rai al fine di garantire un attivo dibattito tra i relatori e gli studenti.
Il Convegno è stata l’occasione per raccontare il rapporto della donna con la politica, l’economia, l’innovazione, la cultura ed i media, con l’intento di evidenziare la capacità di conseguire importanti risultati anche 
in presenza di difficoltà, stereotipi, limitazioni.
Sono state messe a confronto esperienze di donne italiane e straniere che sono giunte all’apice della loro carriera professionale senza disconoscere, ma anzi potenziando la specificità di genere.

Sono state tratte interessanti indicazioni sulle iniziative da intraprendere in Rai per assicurare sempre più il rispetto della figura femminile e per meglio evidenziare il ruolo e le capacità della donna nella società moderna. 

Convegno-Donna-e'16.jpg

L’attenzione alla policy di genere è assicurata anche dalla presenza in Rai della Commissione Pari Opportunità che è composta da 12 dipendenti (6 designate dall’Azienda e 6 dalle Organizzazioni Sindacali) e si occupa principalmente dei seguenti compiti:

  • configurare condizioni che possano concorrere ad uno sviluppo dell’occupazione femminile nei vari settori aziendali;

  • promuovere azioni positive al fine di individuare e rimuovere tutti quegli ostacoli che impediscono l’effettiva realizzazione delle pari opportunità e la valorizzazione del lavoro per le varie categorie;

  • agevolare, anche attraverso il ricorso al part-time e all’orario flessibile, la collocazione femminile su un più ampio ventaglio di posizioni di lavoro.

Nel 2014 la Commissione ha cercato di innovare il proprio lavoro attraverso attività di studi, ricerca ed analisi, progettando azioni volte a favorire l’attuazione dei principi di parità ed uguaglianza tra lavoratori e lavoratrici ed a rimuovere gli ostacoli che possano creare discriminazioni.

La Commissione ha avviato un proficuo rapporto sinergico con la realtà professionale dell’area giornalistica.

Tra le iniziative promosse dalla Commissione si segnalano i seguenti eventi:

  • Donna come nutrimento, dedicato al tema della prevenzione dei tumori;

  • Mai più Desdemona, sulla violenza psicologica, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne;

  • Linguaggi e rappresentazione femminile, un corso di formazione per giornalisti realizzato in sinergia con l’USIGRai. 

 

 

La comunicazione interna
ARGOMENTO PRECEDENTE
La salute, la sicurezza e le corrette pratiche di lavoro
ARGOMENTO SUCCESSIVO