L'Auditel

I dati Auditel11 rilevano l’ascolto della televisione in Italia conseguito attraverso le diverse modalità di trasmissione.

Sulla scorta di tali dati il numero di ascoltatori medi che hanno seguito la televisione è risultato in calo per la prima volta da 7 anni circa, sia nell’intera giornata sia nella fascia del prime time. Le reti generaliste nel loro complesso (Rai1, Rai2, Rai3, Canale5, Italia1, La7) continuano nel trend in flessione.
In questo contesto generale, nell’intera giornata la Rai si conferma leader con il 37,5% di share a fronte del 32,5% di Mediaset.

I canali generalisti della Rai scontano anche essi una flessione generalizzata mantenendo comunque le proprie posizioni di leadership nei confronti dei rispettivi competitor e confermandosi tra i canali nazionali più seguiti: Rai1 con il 17,3% di share nell’intera giornata, Rai2 con il 6,6%, Rai3 con 6,7%. 

Alla complessiva performance della Rai contribuiscono in modo determinante le reti specializzate che ottengono un complessivo 6,8% di share nell’intera giornata.

RadioRai in termini di ascolti nell’intera giornata si attesta su uno share dell’11,3% in seconda posizione dietro a Finelco (13%) e seguita dall’Espresso (11%).

RadioRai invece mantiene la leadership nel prime time del mattino (ore 6-9), la fascia oraria più importante per ampiezza del bacino di ascolto e per investimenti pubblicitari.

A questi numeri che confermano la leadership della Rai sul mercato, in termini di ascolti, si coniugano i positivi dati, come indicato nei successivi paragrafi, in termini di qualità dei programmi offerti. Questo a conferma di un necessario bilanciamento per il servizio pubblico dei dati quantitativi con quelli qualitativi. 

tabelle e infografiche17.jpg

Il rapporto con i fornitori
ARGOMENTO PRECEDENTE
La Brand Reputation
ARGOMENTO SUCCESSIVO