La comunicazione sociale

La Rai, nella sua qualità di concessionaria del servizio pubblico generale radiotelevisivo ed in applicazione della normativa attualmente vigente, assicura e garantisce la diffusione della comunicazione sociale16 e della programmazione sociale17 .

La Rai collabora con le istituzioni preposte, alla ideazione, alla realizzazione ed alla diffusione di programmi dedicati alle tematiche ed alle problematiche di interesse sociale18 , dedicando ad essi ampi spazi – a titolo gratuito – nel contesto audiovisivo generale, con l’obiettivo di assicurare la massima diffusione di tali tematiche e di sensibilizzare i cittadini ed i residenti sul territorio nazionale.

L’azienda persegue questo obiettivo, tra l’altro, accogliendo e valorizzando le trasmissioni con pubbliche raccolte di fondi19 , le campagne per il sociale e le iniziative di sensibilizzazione. Diffonde, inoltre, i messaggi di utilità sociale ovvero di interesse pubblico che siano richiesti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri20  ed assicura – ai sensi dell’articolo 19, comma 1, del Contratto di Servizio per il triennio 2010- 2012 – spazi nella programmazione televisiva e radiofonica per la diffusione di informazioni riguardanti i servizi di pubblica utilità al cittadino, con particolare riferimento alle reti di viabilità e trasporti (stradali, aerei, ferroviari e marittimi), di erogazione e distribuzione dell’energia, dell’acqua, di telecomunicazione e comunque ad eventi ed avvenimenti, sia di origine antropica che naturale, che possano compromettere il regolare svolgimento della vita della popolazione.

In particolare, la Rai ha elaborato apposito Regolamento teso a disciplinare la presentazione delle domande per le campagne di comunicazione sociale, consultabile sul sito dedicato. 

Segretariato-Sociale.jpg

Le pubbliche raccolte di fondi prevedono l’inserimento all’interno delle trasmissioni radiotelevisive di appositi appelli dedicati alle donazioni per progetti e scopi specifici.
La Rai fornisce all’associazione il supporto necessario per gli aspetti editoriali della campagna, le associazioni assicurano che la campagna adotti una comunicazione chiara per i cittadini, volta esclusivamente alla promozione dell’obiettivo approvato con la Rai.
Al momento dell’approvazione della campagna, le associazioni si impegnano a pubblicare la rendicontazione dei fondi raccolti. La Rai pone massima attenzione su una esauriente informativa riguardo la destinazione dei fondi raccolti. Le pubbliche raccolte fondi, nel 2014, sono state 51.

L’impegno sociale Rai anche nel sostegno nel 2014 a 51 Campagne di raccolta fondi

Le campagne “Rai per il sociale” consentono alle associazioni no profit di usufruire di spazi promozionali per gli spot realizzati dalle stesse associazioni. Si tratta di spot finalizzati alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica su determinate tematiche di interesse collettivo, promosse dall’associazione. Per poter essere trasmessi, gli spot non devono avere rilevanza pubblicitaria e non devono sollecitare alcuna raccolta fondi, iniziative commerciali o di reclutamento di soci. Tutti gli spot possono presentare un numero verde dedicato alla richiesta di informazioni circa le attività dell’associazione.
Le campagne “Rai per il sociale”, trasmesse nel 2014, sono state 24.
Nelle campagne “Rai per il sociale” trovano spazio anche gli
spot della Fondazione Pubblicità Progresso, prima in Italia a farsi carico della dimensione sociale della pubblicità come strumento per la promozione di soluzioni ai problemi sociali, educativi e civili.
Gli spot Pubblicità Progresso trovano sempre collocazioni di grande pregio che ne assicurano la fruizione e l’impatto mediatico. Nel 2014 la Rai ha trasmesso 13 spot Pubblicità Progresso.

La Rai offre inoltre spazio alle Comunicazioni di pubblica utilità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e delle Agenzie Sovranazionali.

La prima veicola le campagne di comunicazione governative, che attengono a tematiche di interesse per l’intera popolazione nazionale e di per sé con valenza di pubblica utilità. Nel 2014 sono state trasmesse 66 campagne tematiche.

Nel 2014 gli spot promozionali delle Agenzie Sovranazionali, UNODC, UNHCR e UNICEF, sono stati 4.

Le iniziative di sensibilizzazione consentono di promuovere specifici eventi di carattere sociale, attraverso la partecipazione alle trasmissioni Rai. Tali iniziative di sensibilizzazione possono essere presentate da differenti soggetti, tra i quali: cittadini, associazioni, istituzioni, ordini professionali e altri soggetti interessati alla promozione degli eventi sociali. Tra queste iniziative possono essere presentati anche eventi a scopo benefico a patto che non contengano strumenti di raccolta diretta di fondi. Le iniziative di sensibilizzazioni registrate nel 2014 sono state 46.

Nella sezione “Tabelle ed informazioni di dettaglio” sono riportate in dettaglio le attività della comunicazione sociale. 

Il linguaggio della memoria: le Teche, archivio tra passato e futuro
ARGOMENTO PRECEDENTE
L'attenzione alle disabilità sensoriali
ARGOMENTO SUCCESSIVO